80storia_titolo

Nel lontano 1883,  CARLO COLOMBO inizia la sua attività presso la Fonderia Pensotti Andrea in Legnano. Dopo 26 anni di tenace lavoro, durante i quali apprende e perfeziona la difficile arte di fonditore, con vivo rammarico del signor Pensotti e dei compagni di lavoro, Carlo Colombo lascia la sua azienda, e nel 1909, con mezzi molto modesti, fonda la prima fonderia di ghisa e di metalli a San Giorgio su Legnano.

Con tenacia e forza d’animo esemplari, Carlo Colombo riesce  poco per volta ad ingrandire la sua azienda e a distinguersi sempre più nel campo della fonderia.
L’azienda incontra il favore del mercato perché offre prodotti di ottima qualità alle numerose aziende sorte nel frattempo nella area dell’Alto Milanese. A partire dagli anni venti, in un nuovo e moderno insediamento, la Fonderia Carlo Colombo S.P.A si sviluppa ulteriormente arrivando ad avere oltre 300 dipendenti.

La stessa attività industriale viene poi continuata dal figlio Giuseppe,  che nel 1938 fonda la ditta Individuale a nome proprio: Fonderia getti speciali COLOMBO GIUSEPPE DI CARLO

Giuseppe Colombo,  cresciuto sotto la severa scuola del padre, da’ sempre maggior incremento allo sviluppo dell’azienda, aggiornandosi con moderni sistemi produttivi.
Già nel 1945 l’azienda occupa 7.000 mq di cui 3.000 coperti ed oggi è estesa su di un’area di 23.000 mq di
cui 12.000 coperta da capannoni.

Nel 1952 inizia la produzione di ghisa a grafite sferoidale e ghisa Ni-Hard resistente all’abrasione su licenza della Nickel Mond Ltd.
Nel 1960 è la volta della produzione delle leghe ad alto contenuto di cromo, leghe speciali resistenti a forte sollecitazione all’usura e agli urti.
Negli anni sessanta,   si affiancano al padre Giuseppe nella guida dell’azienda,  i figli Giancarlo ed Eugenio; il primo con compiti di coordinamento con altre attività del gruppo (nel 1945 nasce ICMA San Giorgio per la progettazione e costruzione di macchine per la lavorazione del legno, modificando la produzione nel 1965 in  macchine per lavorazione di materie plastiche) e il secondo con compiti più specifici di gestione aziendale.
Il figlio Eugenio indirizza ulteriormente la produzione di fonderia verso settori di eccellenza in particolare quelli ove si utilizzano fusioni in leghe altamente resistenti all’usura.
Viene dato impulso al rinnovamento impiantistico per mantenere alto il livello di competitività e viene rafforzata la struttura aziendale nell’ambito della qualità e del controllo della produzione e del collaudo.
All’inizio degli anni Novanta, l’azienda è pronta per chiedere la certificazione Iso 9000 che le viene concessa nel 1993.
A partire dal 2007 il  figlio di Eugenio,  Giuseppe,  prende a sua volta la guida dell’attività che ancora ha come obiettivo principale quello di produrre e fornire getti di qualità sempre migliore.
A partire dagli anni novanta,  l’azienda ha creato ed ottenuto spazi produttivi nel campo di fusioni destinate al settore delle macchine produttrici di energia elettrica,  in particolar modo nel settore turbogas e mulini eolici senza trascurare la produzione di getti resistenti all’usura, al calore e agli agenti chimici.

Quest’anno ricorre l’anniversario di 80 anni di attività. E’ passato molto tempo e 4 generazioni di imprenditori  ma la filosofia non è mai cambiata: l’attenzione alla qualità, uno sguardo aperto all’innovazione ed un servizio attento per venire incontro alle esigenze del cliente.